Apertura

Taylor Swift miss maglietta bagnata

Taylor Swift ha recentemente registrato un video shoot e un servizio fotografico sulla spiaggia, dove ha una maglietta bianca bagnata e dei semplici jeans. Ha inoltre rilasciato un’intervista per la rivista Rolling Stones. Ecco qui cosa ha detto: “Mio fratello torna a casa l’altro giorno e mi dice “Oh mio Dio, ho appena visto un ragazzo camminare con un gatto sulla testa qui sotto”, ha detto Taylor Swift. Da amante dei gatti qual è la prima domanda di Taylor al fratello è stata: “Hai fatto una foto?” e la cantante ha continuato: “In quel momento metà della mia testa pensava ‘dovremmo potergli fare una foto, quel ragazzo ce lo stava chiedendo, ha un gatto sulla testa!’, ma l’altra parte di me pensava ‘E se invece voleva solo andare in giro con un gatto in testa senza essere fotografato?’ Per Taylor Swift, quattro volte album di platino, sette volte vincitrice di un Grammy e al centro di gossip milioni di volte, la vita è come andare in giro con un gatto sulla testa. “Posso avere problemi con questo tipo di vita, ma alla fine della giornata non posso sentirmi ingrata perchè l’ho scelta io. A volte, però, non vuoi davvero avere una telecamera puntata addosso. A volte sarebbe carino se qualcuno dicesse ‘Hey, penso che sia davvero fico che indossi un gatto sulla testa. Penso sia interessante'”.
TAYLOR SWIFT: IL VIDEO SHOOT SEGRETO – Ma torniamo alla maglietta bagnata. Nella valle di San Fernando il progetto Sparrow è in pieno fermento. In un parcheggio non identificato, dove sono montati dei palcoscenici, a Van Nuys, California, la sicurezza è sull’attenti, ogni porta e corridoio è controllata e sbarrata. L’occasione? Un video shoot di Taylor Swift. Nel 2014 un video shoot di Taylor Swift richiede un certo tipo di riservatezza. Prima del progetto Sparrow, nome in codice scelto dal direttore del video, c’era stato il progetto Cardinal, una missione in cui lo staff di Taylor Sfiwt ha cercato un gruppo rappresentativo di fan per apparire nel video. Quando una ragazza postò una foto del suo invito, fu automaticamente non più invitata.


TAYLOR SWIFT: SHAKE IT OFF E LA PRIVACY – Il video di Taylor Swift “Shake It Off”, brano che la Swift ha cantato live per la prima volta ai VMAs di quest’estate, e che a questo punto solo una manciata di persone non conosce ha avuto una nascita travagliata. Lo staff della popstar era preoccupato riguardo a spie e dispositivi di registrazione che avrebbero rubato il singolo prima che uscisse. La Swift ha detto che non si sente mai completamente al sicuro, specialmente quando si tratta della sua privacy. “Chi fa questo lavoro ha sempre delle cosequalcosa che non vuole far vedere al mondo”, continua Taylor Swift. “Osservano la tua carriera, le tue priorità e cercano di capire. Io non mi tolgo i vestiti e mi faccio foto o cose simili, sono molto riservata da questo punto di vista, quindi mi spaventa pensare che qualcuno potrebbe registrare un mio video mentre mi cambio. È triste dover cercare ogni volta telecamere negli spogliatoi o nei bagni. Io non vado in giro nuda con le finestre aperte, perchè potrebbe essere rischioso.”
TAYLOR SWIFT: 1989 E LA NUOVA VITA – Nonostante la paura della violazione della privacy, Taylor Swift si sente libera in molti modi. A Ottobre uscirà il nuovo album, 1989, e Taylor è molto eccitata per questo, perchè è la transizione da star del country a star che ama il pop, fino star che fa davvero musica pop. Recentemente ha anche comprato un appartamento di lusso a New York e come avrete letto dai gossip, Taylor Swift non ha nessun ragazzo, nessun appuntamento, nessun flirt, niente di niente, Taylor Swift è single e lo ama. “Amo veramente la mia vita ora” ha detto “Ho molti amici intorno a me, ho iniziato a dipingere di più, lavoro un sacco fuori. Ho iniziato ad essere più forte e naturalmente amo l’album che ho creato. Adoro essermi trasferita a New York. Quindi per quanto riguarda essere felici, non ci sono mai stata così vicina.” che non è necessariamente la stessa cosa di essere felici.

Leggi anche questo! Taylor Swift, Katy Perry e la “rissa” per Bad blood