Cronaca

Preso a pugni al supermercato per paura del coronavirus: il video dell’aggressione

Preso a pugni al supermercato per paura del coronavirus: è quello che accade in questo video, in un supermercato non bene identificato, in cui una persona dice qualcosa mentre un’altra reagisce urlando “vaffan…” e successivamente “Sono filippino”. I due si prendono a pugni mentre gli addetti del supermercato si avvicinano per capire cosa fare

Preso a pugni al supermercato per paura del coronavirus: il video dell’aggressione

E’ evidente che la persona aggredita era stata insultata perché aveva dei lineamenti orientali: è stata scambiata per cinese e per questo motivo derisa. Poi è avvenuta l’aggressione. Non è purtroppo l’ultimo caso. Il 22 febbraio a Torino una donna cinese e’ stata afferrata per il collo, insultata e picchiata. I colpevoli sono una coppia di italiani di mezza eta’. La paura e’ una cosa seria e cosi’ va trattata, il razzismo e’ invece imperdonabile. ” Lo afferma Marco Grimaldi di Sinistra Italiana-Leu, capogruppo in consiglio regionale Piemonte per Liberi Uguali Verdi. “Credo che, come dice il Ministro Roberto Speranza, – prosegue il capogruppo regionale di Luv – il nostro Servizio Sanitario Nazionale sia forte e sapra’ fronteggiare l’emergenza Covid19, assicurare attenzione, prevenzione e le cure migliori alle persone colpite.Al contrario, non saranno certo le aggressioni a persone inermi a fermare il virus. Chi lo fa trova, temo, un buon pretesto per sfogare il suo razzismo, e di certo non protegge se’ stesso e gli altri.” “Seguiamo le linee guida ufficiali: laviamoci le mani, starnutiamo nei gomiti e leggiamo solo fonti ufficiali. Se pero’, oltre ad avere paura siete dei razzisti,- conclude Grimal – state pure chiusi in casa.”